Distruzione e reimpiego delle tombe: episodi militari, atti politici o pratica magica?