Hermes e il loop. Appunti su Thomas Kling e la sua “installazione linguistica” MANHATTAN MUNDRAUM ZWEI