La dissonanza emotiva: un ulteriore fattore di stress lavorativo?