La “quarta dimensione”: la storia come metodo della complessità