Il 'perpetuum mobile' del desiderio. "Cox" di Christoph Ransmayr e la raffigurazione letteraria del cosmopolitismo settecentesco tra esotismo e vanità