Il c.d. “Vitello pancione”: aspetti clinico-morfologici