In questo studio viene presentata una indagine sull’efficacia di differenti procedure di pushover di tipo convenzionale, multi-modale ed adattivo. Queste procedure sono state applicate ad un insieme di telai piani in calcestruzzo armato con numero di piani pari a tre, sei, nove e dodici. Per ogni numero di piani sono state considerate due configurazioni, una regolare e l’altra irregolare in elevazione. I risultati delle analisi di pushover sono stati valutati attraverso il confronto con quelli di una serie di analisi dinamiche non-lineari, svolte sui telai esaminati considerando un insieme di dieci registrazioni accelerometriche. L’applicazione di ciascuna di esse è stata ripetuta assumendo livelli crescenti di intensità sismica. Per i confronti si è fatto riferimento alle curve taglio alla base-spostamento in sommità e a parametri di risposta di piano come lo spostamento di interpiano e il taglio di piano. I risultati hanno consentito un confronto diretto tra le differenti procedure esaminate, che in generale hanno fornito stime abbastanza buone della risposta sismica, soprattutto per i telai con numero di piani inferiore. Le procedure avanzate, ed in particolare quella multi-modale, hanno determinato un miglioramento della stima della risposta sismica, più evidente per i telai irregolari.

Confronti tra analisi dinamiche non lineari e procedure di pushover avanzate per telai in c.a. regolari ed irregolari in elevazione

DIOTALLEVI, PIER PAOLO;LANDI, LUCA;POLLIO, BERNARDINO
2009

Abstract

In questo studio viene presentata una indagine sull’efficacia di differenti procedure di pushover di tipo convenzionale, multi-modale ed adattivo. Queste procedure sono state applicate ad un insieme di telai piani in calcestruzzo armato con numero di piani pari a tre, sei, nove e dodici. Per ogni numero di piani sono state considerate due configurazioni, una regolare e l’altra irregolare in elevazione. I risultati delle analisi di pushover sono stati valutati attraverso il confronto con quelli di una serie di analisi dinamiche non-lineari, svolte sui telai esaminati considerando un insieme di dieci registrazioni accelerometriche. L’applicazione di ciascuna di esse è stata ripetuta assumendo livelli crescenti di intensità sismica. Per i confronti si è fatto riferimento alle curve taglio alla base-spostamento in sommità e a parametri di risposta di piano come lo spostamento di interpiano e il taglio di piano. I risultati hanno consentito un confronto diretto tra le differenti procedure esaminate, che in generale hanno fornito stime abbastanza buone della risposta sismica, soprattutto per i telai con numero di piani inferiore. Le procedure avanzate, ed in particolare quella multi-modale, hanno determinato un miglioramento della stima della risposta sismica, più evidente per i telai irregolari.
Atti del XIII Convegno Nazionale L'Ingegneria Sismica in Italia, ANIDIS
1
10
P. P. Diotallevi; L. Landi; B. Pollio
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/84236
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact