Montesquieu, lo Stato e la religione