La componente religiosa confinata all’interno di quei flussi o vacanze puramente “religiosi” è solo parte di una più ampia presenza o esigenza spirituale che è presente in tutti i tipi di turismo perchè quando il turista (viaggiatore o vacanziere) si muove porta con sé il modo di essere, e quindi la sua spiritualità e la sua domanda di religiosità. La riflessione legata al turismo religioso e al pellegrinaggio quindi è di fatto solo una parte di un fenomeno molto più ampio e complesso, perchè la presenza di spiritualità è, in modo cosciente o incosciente, presente sempre e comunque sulla base di quella componente etica di cui ogni uomo è dotato anche quando si dichiara di esserne privo. In Italia la Chiesa cattolica, presente in qualsiasi contesto turistico, in questi ultimi decenni affronta in modo sempre più incisivo a dare il proprio contributo a qualsiasi forma di turismo da quello di nicchia a quello di massa; ed è soprattutto a questo, come quello villeggiatura, balneare o montano, a cui si orienta l’azione degli operatori religiosi e della Chiesa, soprattutto là dove è in diretta presenza. Sulla base di questo approccio, il caso della Chiesa di Rimini si propone come un caso di studio esemplare: un lungo commino in un territorio dove il turismo di massa ha raggiunto livelli elevati tanto da fare di Rimini stessa una delle capitali mondiali del turismo. Qui la Chiesa si è dovuta confrontare con una storia del turismo senza precedenti e in modo altrettanto originale ha cercato di dare il proprio contributo.

La Chiesa e il turismo a Rimini: dare anima al turismo

DALLARI, FIORELLA;
2009

Abstract

La componente religiosa confinata all’interno di quei flussi o vacanze puramente “religiosi” è solo parte di una più ampia presenza o esigenza spirituale che è presente in tutti i tipi di turismo perchè quando il turista (viaggiatore o vacanziere) si muove porta con sé il modo di essere, e quindi la sua spiritualità e la sua domanda di religiosità. La riflessione legata al turismo religioso e al pellegrinaggio quindi è di fatto solo una parte di un fenomeno molto più ampio e complesso, perchè la presenza di spiritualità è, in modo cosciente o incosciente, presente sempre e comunque sulla base di quella componente etica di cui ogni uomo è dotato anche quando si dichiara di esserne privo. In Italia la Chiesa cattolica, presente in qualsiasi contesto turistico, in questi ultimi decenni affronta in modo sempre più incisivo a dare il proprio contributo a qualsiasi forma di turismo da quello di nicchia a quello di massa; ed è soprattutto a questo, come quello villeggiatura, balneare o montano, a cui si orienta l’azione degli operatori religiosi e della Chiesa, soprattutto là dove è in diretta presenza. Sulla base di questo approccio, il caso della Chiesa di Rimini si propone come un caso di studio esemplare: un lungo commino in un territorio dove il turismo di massa ha raggiunto livelli elevati tanto da fare di Rimini stessa una delle capitali mondiali del turismo. Qui la Chiesa si è dovuta confrontare con una storia del turismo senza precedenti e in modo altrettanto originale ha cercato di dare il proprio contributo.
I viaggi dell’Anima. Società, Culture, Heritage e Turismo
33
45
F. Dallari; I. Abbasciano
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/84019
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact