La Geografia Antropica, che annovera fra i suoi temi fondamentali di studio i luoghi - intesi come sedi della vita e delle attività degli uomini - e il paesaggio, come percezione e rappresentazione da parte delle comunità di ciò che le circonda, è quanto mai indicata per approfondire gli elementi identitari delle località e delle regioni. La cartografia del passato può essere un valido strumento per individuare gli elementi identitari del paesaggio, sia che si tratti di carte corografiche, sia che si tratti di piante urbane. Le carte corografiche di Giovanni Antonio Magini relative a quel settore della pianura padana racchiuso fra il Po e l'Appennino sono caratterizzate dalla presenza della via Emilia, l'unica strada riportata nelle carte di questo autore, elemento unificante della regione dall'età antica ad oggi. La città di Cadice e i suoi dintorni sono rappresentati dal pittore cartografo Georg Hoefnagel in diverse tavole che evidenziano le attività connesse con le risorse del luogo, come la cattura dei tonni e la lavorazione delle loro carni, che sono anche occasioni di feste e di socializzazione.

Memoria e identità nell'iconografia cartografica

FEDERZONI, LAURA
2009

Abstract

La Geografia Antropica, che annovera fra i suoi temi fondamentali di studio i luoghi - intesi come sedi della vita e delle attività degli uomini - e il paesaggio, come percezione e rappresentazione da parte delle comunità di ciò che le circonda, è quanto mai indicata per approfondire gli elementi identitari delle località e delle regioni. La cartografia del passato può essere un valido strumento per individuare gli elementi identitari del paesaggio, sia che si tratti di carte corografiche, sia che si tratti di piante urbane. Le carte corografiche di Giovanni Antonio Magini relative a quel settore della pianura padana racchiuso fra il Po e l'Appennino sono caratterizzate dalla presenza della via Emilia, l'unica strada riportata nelle carte di questo autore, elemento unificante della regione dall'età antica ad oggi. La città di Cadice e i suoi dintorni sono rappresentati dal pittore cartografo Georg Hoefnagel in diverse tavole che evidenziano le attività connesse con le risorse del luogo, come la cattura dei tonni e la lavorazione delle loro carni, che sono anche occasioni di feste e di socializzazione.
Studi del La. Car. Topon. St. - Laboratorio di Cartografia e Toponomastica Storica
81
93
L. Federzoni
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/83668
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact