The origin and growth of the medieval city of Cervia (RA) has always been debated by scholars. Indeed, this research topic crosses historiographic themes of great relevance, such as medieval urbanism and the development of rural dioceses during Late Antiquity. Despite that several nonsystematic investigations have already been carried out in the past, the dynamics that led to the birth and development of this city are not yet clear, nor their chronology. This paper starts with a section illustrating the historical and topographical evolution of the area, followed by a synthesis of its geomorphological and environmental characteristics and past archaeological researches. The following sections are focused on the results of the first survey campaign of the Cervia Project, carried out by the University of Bologna. In particular, the 2019 field season collected evidence in the sampled areas of the “Cervia Vecchia” site (11th-17th c. AD), the ”Prati della Rosa” site (8th-14th c. AD), and the Pisignano area; the latter includes sites dated from the Iron Age to the Middle Ages. The data collected offered a new vision of the history of Cervia territory and they will be a starting point for further studies.

La vicenda delle origini e dello sviluppo di Cervia (RA) in età medievale è da sempre motivo di dibattito tra gli studiosi; attraversa infatti temi di grande rilievo, quali l’urbanesimo medievale e le diocesi rurali di età tardoantica. Ma nonostante alcune indagini già svolte a più riprese nell’area, non è ancora ben chiara la dinamica che portò alla nascita e allo sviluppo di questa città, né tantomeno le cronologie delle varie tappe del processo formativo. L’articolo comprende una prima parte in cui vengono esposti i problemi storici e topografici, seguita da una sezione dedicata all’analisi del contesto ambientale e delle ricerche archeologiche pregresse. Vengono poi illustrati i risultati della prima campagna di ricognizione concepita nell’ambito di un più ampio progetto di indagine sul territorio (che comprenderà anche indagini di scavo), eseguita nel 2019 da una équipe dell’Università di Bologna. In particolare si considera l’evidenza raccolta nei transetti che intercettavano la zona di “Cervia Vecchia”, e che non risulta anteriore all’XI secolo; quella della zona denominata “Prati della Rosa”, che si spinge dall’VIII fino al XIV secolo; e infine quella relativa all’areale di Pisignano, che abbraccia un arco di tempo compreso tra l’Età del Ferro e il Medioevo. I risultati delle indagini – sia pure non ancora sostanziati da scavi stratigrafici – appaiono al momento molto interessanti per un primo, più puntuale inquadramento delle vicende di questo territorio, e forniscono nuovi elementi di riflessione e stimolo per ulteriori approfondimenti.

Archeologia dei Paesaggi nel territorio ravennate: il Progetto Cervia

A. AUGENTI;M. BONDI;M. CAVALAZZI;A. FIORINI;
2020

Abstract

La vicenda delle origini e dello sviluppo di Cervia (RA) in età medievale è da sempre motivo di dibattito tra gli studiosi; attraversa infatti temi di grande rilievo, quali l’urbanesimo medievale e le diocesi rurali di età tardoantica. Ma nonostante alcune indagini già svolte a più riprese nell’area, non è ancora ben chiara la dinamica che portò alla nascita e allo sviluppo di questa città, né tantomeno le cronologie delle varie tappe del processo formativo. L’articolo comprende una prima parte in cui vengono esposti i problemi storici e topografici, seguita da una sezione dedicata all’analisi del contesto ambientale e delle ricerche archeologiche pregresse. Vengono poi illustrati i risultati della prima campagna di ricognizione concepita nell’ambito di un più ampio progetto di indagine sul territorio (che comprenderà anche indagini di scavo), eseguita nel 2019 da una équipe dell’Università di Bologna. In particolare si considera l’evidenza raccolta nei transetti che intercettavano la zona di “Cervia Vecchia”, e che non risulta anteriore all’XI secolo; quella della zona denominata “Prati della Rosa”, che si spinge dall’VIII fino al XIV secolo; e infine quella relativa all’areale di Pisignano, che abbraccia un arco di tempo compreso tra l’Età del Ferro e il Medioevo. I risultati delle indagini – sia pure non ancora sostanziati da scavi stratigrafici – appaiono al momento molto interessanti per un primo, più puntuale inquadramento delle vicende di questo territorio, e forniscono nuovi elementi di riflessione e stimolo per ulteriori approfondimenti.
A. AUGENTI, M. BONDI, M. CAVALAZZI, A. FIORINI, M. SERICOLA
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/836262
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact