Il contributo si concentra sull'evoluzione della Commission Internationale pour l'histoire des villes (CIHV) nel corso della sua esistenza, dalla sua fondazione (1955) ai giorni nostri (2020), con riferimento a uno dei suoi progetti chiave, ovvero il implementazione degli atlanti storici delle città europee. L'articolo mette inoltre in evidenza l'apporto fondamentale che può avere la tecnologia GIS per la comparazione dei paesaggi urbani nella loro componente fisica e materiale e nell'analisi dei fenomeni economici e sociali.

La Commission Internationale pour l’Histoire des Villes et la mise en œuvre des Atlas historiques des villes (1955-2020)

Smurra, Rosa;Bocchi, Francesca
2021

Abstract

Il contributo si concentra sull'evoluzione della Commission Internationale pour l'histoire des villes (CIHV) nel corso della sua esistenza, dalla sua fondazione (1955) ai giorni nostri (2020), con riferimento a uno dei suoi progetti chiave, ovvero il implementazione degli atlanti storici delle città europee. L'articolo mette inoltre in evidenza l'apporto fondamentale che può avere la tecnologia GIS per la comparazione dei paesaggi urbani nella loro componente fisica e materiale e nell'analisi dei fenomeni economici e sociali.
Mettre la ville en atlas, des productions humanistes aux humanités digitales
123
134
Smurra, Rosa; Bocchi, Francesca
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
PrimaLuna@5_13.pdf

accesso aperto

Descrizione: Saggio in volume
Tipo: Versione (PDF) editoriale
Licenza: Licenza per Accesso Aperto. Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo (CCBYSA)
Dimensione 194.66 kB
Formato Adobe PDF
194.66 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/834590
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact