Il presente contributo si propone di illustrare come e fino a che punto i recenti sviluppi legislativi dell’Unione Europea possano sostenere la tesi che vorrebbe identificare la cybersecurity come bene pubblico, con particolare riferimento alla cd. “robustezza dei sistemi”. La dottrina economico-giuridica del bene pubblico rivela infatti un interessante quadro di responsabilità condivise, nell’ottica del comune interesse ad avere un soddisfacente grado di sicurezza dei sistemi informatici alla base delle nostre società.

La cybersecurity come bene pubblico: alcune riflessioni normative a partire dai recenti sviluppi nel diritto UE

Brighi Raffaella
;
Chiara Pier Giorgio
2021

Abstract

Il presente contributo si propone di illustrare come e fino a che punto i recenti sviluppi legislativi dell’Unione Europea possano sostenere la tesi che vorrebbe identificare la cybersecurity come bene pubblico, con particolare riferimento alla cd. “robustezza dei sistemi”. La dottrina economico-giuridica del bene pubblico rivela infatti un interessante quadro di responsabilità condivise, nell’ottica del comune interesse ad avere un soddisfacente grado di sicurezza dei sistemi informatici alla base delle nostre società.
2021
Brighi Raffaella; Chiara Pier Giorgio
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2021-federalismi-cybersec.pdf

accesso aperto

Tipo: Versione (PDF) editoriale
Licenza: Licenza per accesso libero gratuito
Dimensione 791.62 kB
Formato Adobe PDF
791.62 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/831800
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact