Bartolomeo da Colle e il suo manoscritto di Seneca tragico