Edizione di parte (26 lettere) del carteggio inedito tra Andrea Zanzotto e Luciano Anceschi, di cui il sottoscritto sta curando l'edizione completa. L'epistolario si compone di 101 lettere manoscritte: 47 di Anceschi, conservate nell’Archivio privato di Casa Zanzotto a Pieve di Soligo; 53 di Zanzotto, custodite nel Fondo speciale Luciano Anceschi presso la Biblioteca Comunale dell’Archiginnasio di Bologna. Lo scambio epistolare ricopre un arco temporale assai vasto, ospitando un dialogo durato quasi mezzo secolo, dal marzo 1948 all’estate 1991: dialogo estremamente significativo sotto il profilo storico-critico, per la varietà e il carattere intensamente partecipato dei riferimenti ai momenti cruciali di un’intera epoca letteraria, tra reviviscenze dell’ermetismo, nuove tendenze realistiche e impulsi sperimentali – quelli, in particolare, promossi dai poeti-intellettuali del «verri» di cui Anceschi fu ideatore e fondatore e Zanzotto fervente sostenitore, specie nei primi anni di vita della rivista.

Luciano Anceschi, Andrea Zanzotto. "Nella nostra luce privata". Dal carteggio Anceschi-Zanzotto 1948-1991

Francesco Carbognin
2021

Abstract

Edizione di parte (26 lettere) del carteggio inedito tra Andrea Zanzotto e Luciano Anceschi, di cui il sottoscritto sta curando l'edizione completa. L'epistolario si compone di 101 lettere manoscritte: 47 di Anceschi, conservate nell’Archivio privato di Casa Zanzotto a Pieve di Soligo; 53 di Zanzotto, custodite nel Fondo speciale Luciano Anceschi presso la Biblioteca Comunale dell’Archiginnasio di Bologna. Lo scambio epistolare ricopre un arco temporale assai vasto, ospitando un dialogo durato quasi mezzo secolo, dal marzo 1948 all’estate 1991: dialogo estremamente significativo sotto il profilo storico-critico, per la varietà e il carattere intensamente partecipato dei riferimenti ai momenti cruciali di un’intera epoca letteraria, tra reviviscenze dell’ermetismo, nuove tendenze realistiche e impulsi sperimentali – quelli, in particolare, promossi dai poeti-intellettuali del «verri» di cui Anceschi fu ideatore e fondatore e Zanzotto fervente sostenitore, specie nei primi anni di vita della rivista.
Francesco Carbognin
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/830541
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact