The paper emphasises the need to protect the deceased’s digital heritage, which includes various assets such as digital goods and relationships, also in the economy of the immaterial that goes beyond the life of the interested party. From the point of view of the protection of the deceased's right to the digital identity, above all as regards the social netwoks, the present study focuses on the national and supranational regulatory framework, paying particular attention to the new Article 2-terdecies of the Data Protection Law, where the legislator indicates the trustee, among those subjects who can exercise the rights of the deceased. The subject matter of the analysis is, therefore, the institution, elaborated by the doctrine, of the ‘post mortem exequendum trust’: an alternative - more flexible and secure - tool to the last will, at least from the point of view of the credentials secrecy and the confidentiality of the deceased.

Il contributo mette in rilievo la necessità di tutelare il patrimonio digitale del de cuius, che presenta diversi assets quali beni e rapporti digitali, anche nell’economia dell’immateriale che va oltre la vita dell’interessato. Nell’ottica della protezione del diritto all’identità digitale del de cuius, soprattutto correlata ai social netwoks, lo studio si incentra sul quadro normativo nazionale e sovranazionale dedicando particolare attenzione al nuovo art. 2 terdecies del Codice in materia di protezione dei dati personali ove tra i soggetti che possono esercitare i diritti del de cuius, il legislatore indica il mandatario. Oggetto di analisi è pertanto la figura, elaborata dalla dottrina, del mandato post mortem exequendum: uno strumento alternativo al testamento, più elastico e sicuro quanto meno sotto il profilo della segretezza delle credenziali e della riservatezza del de cuius.

Il patrimonio digitale oltre la vita:quale destino?

Maura Tampieri
2021

Abstract

Il contributo mette in rilievo la necessità di tutelare il patrimonio digitale del de cuius, che presenta diversi assets quali beni e rapporti digitali, anche nell’economia dell’immateriale che va oltre la vita dell’interessato. Nell’ottica della protezione del diritto all’identità digitale del de cuius, soprattutto correlata ai social netwoks, lo studio si incentra sul quadro normativo nazionale e sovranazionale dedicando particolare attenzione al nuovo art. 2 terdecies del Codice in materia di protezione dei dati personali ove tra i soggetti che possono esercitare i diritti del de cuius, il legislatore indica il mandatario. Oggetto di analisi è pertanto la figura, elaborata dalla dottrina, del mandato post mortem exequendum: uno strumento alternativo al testamento, più elastico e sicuro quanto meno sotto il profilo della segretezza delle credenziali e della riservatezza del de cuius.
Maura Tampieri
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/828263
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact