La lingua che salva: memorie del quotidiano in Elias Canetti e Natalia Ginzburg