Questo incontro ha fornito l’occasione per riflettere sulla vera essenza della nostra Carta costituzionale, sulle diverse anime della Costituente e sul compromesso costituzionale che non va considerato in senso negativo in quanto è riuscito a dare corpo alla coscienza civica e alla comune volontà delle forze politiche di porre in essere una organizzazione statale nettamente contrapposta a quella dello stato fascista, superando al contempo i limiti dello stato pre-fascista. Infatti, è proprio il compromesso costituzionale a garantire che la Costituzione sia ‘di tutti’, che sia la ‘nostra casa comune’ e per questo tutti noi dovremmo impegnarci maggiormente per conoscerla, rispettarla e sentirla effettivamente nostra. Il contributo si propone di indagare il cammino percorso dai diritti al fine di evidenziarne i traguardi raggiunti ma dimostrare anche che l’evoluzione è ancora in corso. L’indagine seguirà due direttrici, quella internazionale considerando quale fondamentale punto di partenza la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo approvata dalle Nazioni Unite nel 1948, e quella nazionale con l’entrata in vigore della Costituzione Repubblicana. Il 2008 è dunque un anno significativo in entrambi i casi perché sia la Dichiarazione ONU che la nostra Costituzione celebrano il loro sessantesimo anniversario, e viene spontaneo cercare di fare un bilancio.

L’età dei diritti a sessanta anni dalla Dichiarazione Universale delle Nazioni Unite e dall’entrata in vigore della Costituzione Repubblicana Italiana: un cammino ancora in costruzione

RESCIGNO, FRANCESCA
2008

Abstract

Questo incontro ha fornito l’occasione per riflettere sulla vera essenza della nostra Carta costituzionale, sulle diverse anime della Costituente e sul compromesso costituzionale che non va considerato in senso negativo in quanto è riuscito a dare corpo alla coscienza civica e alla comune volontà delle forze politiche di porre in essere una organizzazione statale nettamente contrapposta a quella dello stato fascista, superando al contempo i limiti dello stato pre-fascista. Infatti, è proprio il compromesso costituzionale a garantire che la Costituzione sia ‘di tutti’, che sia la ‘nostra casa comune’ e per questo tutti noi dovremmo impegnarci maggiormente per conoscerla, rispettarla e sentirla effettivamente nostra. Il contributo si propone di indagare il cammino percorso dai diritti al fine di evidenziarne i traguardi raggiunti ma dimostrare anche che l’evoluzione è ancora in corso. L’indagine seguirà due direttrici, quella internazionale considerando quale fondamentale punto di partenza la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo approvata dalle Nazioni Unite nel 1948, e quella nazionale con l’entrata in vigore della Costituzione Repubblicana. Il 2008 è dunque un anno significativo in entrambi i casi perché sia la Dichiarazione ONU che la nostra Costituzione celebrano il loro sessantesimo anniversario, e viene spontaneo cercare di fare un bilancio.
Di sana e robusta Costituzione: 60 anni e non li dimostra. Celebriamo i sessanta anni della Costituzione Italiana
93
107
F. Rescigno
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/81729
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact