Forme di rappresentazione post-coloniale: La traduzione come rottura