Il salmone affumicato commercializzato in buste può essere considerato un prodotto che offre terreno favorevole alla crescita di L. monocytogenes, pertanto, in fase di commercializzazione, deve possedere un contenuto non superiore a 100 UFC/g (Reg. CE 2073/2005). Nel presente studio sono state comparate le performance di isolamento di L. monocytogenes, dei metodi ISO 11290-2 e ISO 11290-1, in 35 campioni di diversa provenienza (7 lotti, 5 campioni ciascuno). Un campione proveniente dalla Danimarca è risultato contaminato da L. monocytogenes. Gli isolati, ottenuti con il solo metodo qualitativo, sono risultati bacilli GRAM+, citocromoossidasi– e catalasi+, e sono stati confermati con il micrometodo API Listeria (bioMérieux). Successivamente sono stati sottoposti a sequenziamento del tratto iniziale di 500 paia basi del gene 16S utilizzando il kit MicroSeq (Applied Biosystems), ed il confronto con le sequenze depositate in GenBank, tramite il software BLASTn, ha confermato l’appartenenza a L. monocytogenes. Infine, mediante PCR per geni specifici, i ceppi sono risultati confermati a livello di specie (iap+, InlA+ e InlB+), appartenenti al sierotipo 1/2c - 3c (D2+) e potenzialmente patogeni (InlC+ e InlJ+). Poiché il livello di sensibilità del metodo quantitativo (1 colonia/100l di semina), in caso di negatività fornisce un risultato < 100 UFC/g, la prossimità con il limite imposto dal Reg. CE 2073/2005 potrebbe portare a dubitare della sua affidabilità rispetto al metodo qualitativo.

Valutazione della contaminazione da Listeria monocytogenes in salmone affumicato del commercio

SERRATORE, PATRIZIA;PIANO, ANNAMARIA;
2009

Abstract

Il salmone affumicato commercializzato in buste può essere considerato un prodotto che offre terreno favorevole alla crescita di L. monocytogenes, pertanto, in fase di commercializzazione, deve possedere un contenuto non superiore a 100 UFC/g (Reg. CE 2073/2005). Nel presente studio sono state comparate le performance di isolamento di L. monocytogenes, dei metodi ISO 11290-2 e ISO 11290-1, in 35 campioni di diversa provenienza (7 lotti, 5 campioni ciascuno). Un campione proveniente dalla Danimarca è risultato contaminato da L. monocytogenes. Gli isolati, ottenuti con il solo metodo qualitativo, sono risultati bacilli GRAM+, citocromoossidasi– e catalasi+, e sono stati confermati con il micrometodo API Listeria (bioMérieux). Successivamente sono stati sottoposti a sequenziamento del tratto iniziale di 500 paia basi del gene 16S utilizzando il kit MicroSeq (Applied Biosystems), ed il confronto con le sequenze depositate in GenBank, tramite il software BLASTn, ha confermato l’appartenenza a L. monocytogenes. Infine, mediante PCR per geni specifici, i ceppi sono risultati confermati a livello di specie (iap+, InlA+ e InlB+), appartenenti al sierotipo 1/2c - 3c (D2+) e potenzialmente patogeni (InlC+ e InlJ+). Poiché il livello di sensibilità del metodo quantitativo (1 colonia/100l di semina), in caso di negatività fornisce un risultato < 100 UFC/g, la prossimità con il limite imposto dal Reg. CE 2073/2005 potrebbe portare a dubitare della sua affidabilità rispetto al metodo qualitativo.
91
92
Serratore P.; Piano A.; Galletti J.;Trentini M.; Zavatta E.; Piraccini S.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/81243
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact