L'intervento esamina le condizioni che rendono possibile indagare l'esperienza estetica a partire dall'adozione del modello della mente estesa anche alla luce dei più recenti studi di psicologia dell'arte. Viene posta in questione la matrice meramente cognitiva della mente estesa, che nell'estetico trova un suo primitivo basato sulla collusività esperienziale.

Quale modello di mente per l’esperienza estetica?

Giovanni Matteucci
2020

Abstract

L'intervento esamina le condizioni che rendono possibile indagare l'esperienza estetica a partire dall'adozione del modello della mente estesa anche alla luce dei più recenti studi di psicologia dell'arte. Viene posta in questione la matrice meramente cognitiva della mente estesa, che nell'estetico trova un suo primitivo basato sulla collusività esperienziale.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/808386
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact