Il contributo, preso atto della crescente complessità e del conseguente processo di frammentazione venutosi a determinare, intende porre in luce l’accresciuto ruolo dell’interprete al cospetto del sistema contrattuale. E ciò principalmente in ragione dell’utilizzo sempre più ricorrente – per vero non esente da critiche – della clausola generale di buona fede e, in epoca più recente, dell’applicazione diretta della solidarietà costituzionale.

Il contratto e l’interprete

Luigi Balestra
2020

Abstract

Il contributo, preso atto della crescente complessità e del conseguente processo di frammentazione venutosi a determinare, intende porre in luce l’accresciuto ruolo dell’interprete al cospetto del sistema contrattuale. E ciò principalmente in ragione dell’utilizzo sempre più ricorrente – per vero non esente da critiche – della clausola generale di buona fede e, in epoca più recente, dell’applicazione diretta della solidarietà costituzionale.
Luigi Balestra
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/804891
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact