Editoriale. L'arcipelago della nuova performance epica