Sulla “divisione del lavoro” linguistico tra mittente e destinatario nel processo di costruzione del senso