Con lei, "semplice, frugale, spoglia d'idolatria". La Duse attraverso lo sguardo di Ofelia Mazzoni.