Nuovo millennio, vecchia lingua? Strategie di sopravvivenza per il dialetto