Signori e confini. Gli Ubaldini, l’Appennino e le città