Nell’area del Policlinico S.Orsola-Malpighi le Cliniche universitarie della Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna sono state dotate di biblioteche fin dalla loro costituzione, avvenuta nel lontano 1869. La biblioteca «Leonardo Possati» si trova all’interno del Padiglione 25 e oltre a fornire informazioni chirurgiche medico-scientifiche anche storiche, ospita un piccolo museo. La mostra è un vero e proprio patrimonio, rappresentato da oltre 150 antichi esemplari chirurgici collocati nel luogo dove è nata la chirurgia bolognese. Il nucleo primitivo di questa raccolta risale allo strumentario chirurgico in argento donato da papa Benedetto XIV a Pier Paolo Molinelli nel 1742 in occasione dell’istituzione della Cattedra di Medicina Operatoria. Successivamente questa collezione è stata arricchita dagli strumenti ideati e utilizzati da Francesco Rizzoli e dagli altri chirurghi che diressero la Clinica fra 1800 e 1900. La Storia della Medicina potrebbe anche iniziare da qui, da questa esposizione, perché il dolore ha sempre bisogno di una storia. Con questa narrazione e i dati oggettivi della realtà, la malattia e gli strumenti chirurgici di ogni tempo e luogo possono essere associati ai sentimenti di dolore e sofferenza e al lavoro mentale di elaborazione di quella sofferenza.

La collezione di strumenti chirurgici dell'Università di Bologna (XVIII-XX sec). Un collegamento tra ricerca, insegnamento ed esposizione?

FUGHELLI P
2020

Abstract

Nell’area del Policlinico S.Orsola-Malpighi le Cliniche universitarie della Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna sono state dotate di biblioteche fin dalla loro costituzione, avvenuta nel lontano 1869. La biblioteca «Leonardo Possati» si trova all’interno del Padiglione 25 e oltre a fornire informazioni chirurgiche medico-scientifiche anche storiche, ospita un piccolo museo. La mostra è un vero e proprio patrimonio, rappresentato da oltre 150 antichi esemplari chirurgici collocati nel luogo dove è nata la chirurgia bolognese. Il nucleo primitivo di questa raccolta risale allo strumentario chirurgico in argento donato da papa Benedetto XIV a Pier Paolo Molinelli nel 1742 in occasione dell’istituzione della Cattedra di Medicina Operatoria. Successivamente questa collezione è stata arricchita dagli strumenti ideati e utilizzati da Francesco Rizzoli e dagli altri chirurghi che diressero la Clinica fra 1800 e 1900. La Storia della Medicina potrebbe anche iniziare da qui, da questa esposizione, perché il dolore ha sempre bisogno di una storia. Con questa narrazione e i dati oggettivi della realtà, la malattia e gli strumenti chirurgici di ogni tempo e luogo possono essere associati ai sentimenti di dolore e sofferenza e al lavoro mentale di elaborazione di quella sofferenza.
Le collezioni di strumenti chirurgici. Giornate di Museologia Medica (IX edizione)
65
68
FUGHELLI P
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/800976
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact