L'articolo mira a delucidare i debiti non dichiarati che l'Erasmo da Rotterdam degli "Adagia" contrae con l'Umanesimo bolognese, e segnatamente con le annotazioni filologiche di Filippo Beroaldo il Vecchio: le "Annotationes centum" uscite nel 1488, l'Appendix annotamentorum in calce al commento svetoniano del 1493 e l'Oratio proverbiorum del 1499.

Fonti bolognesi degli “Adagia” di Erasmo. Per una prima ricognizione

A. Severi
Primo
2019

Abstract

L'articolo mira a delucidare i debiti non dichiarati che l'Erasmo da Rotterdam degli "Adagia" contrae con l'Umanesimo bolognese, e segnatamente con le annotazioni filologiche di Filippo Beroaldo il Vecchio: le "Annotationes centum" uscite nel 1488, l'Appendix annotamentorum in calce al commento svetoniano del 1493 e l'Oratio proverbiorum del 1499.
Arte e Umanesimo a Bologna. Materiali e nuove prospettive
325
342
A. Severi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/799767
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact