L'articolo prende in esame l'esiguo corpus di novelle albergatiane presenti nelle Novelle venticinque, silloge allestita insieme all'abate Gianfrancesco Altanesi (1779), mostrandone il chiaro intento edificante, che rielabora non a caso spunti dell'oratoria controriformistica. Si tratta di un tassello importante dell'attività di Albergati, poco studiato come prosatore, che peraltro, proprio all'altezza degli anni in cui compose queste novelle, conobbe un ripiegamento moralistico e in parte religioso.

Strategie retoriche e finalità educative nelle novelle di Francesco Albergati Capacelli

Nicola Bonazzi
2020

Abstract

L'articolo prende in esame l'esiguo corpus di novelle albergatiane presenti nelle Novelle venticinque, silloge allestita insieme all'abate Gianfrancesco Altanesi (1779), mostrandone il chiaro intento edificante, che rielabora non a caso spunti dell'oratoria controriformistica. Si tratta di un tassello importante dell'attività di Albergati, poco studiato come prosatore, che peraltro, proprio all'altezza degli anni in cui compose queste novelle, conobbe un ripiegamento moralistico e in parte religioso.
Il colloquio circolare. I libri, gli allievi, gli amici
107
116
Nicola Bonazzi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/799063
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact