L'asse "uno-molti" nei social. Molteplici volti per una stessa identità