Un’esperienza di didattica “sul campo” al tempo del Covid-19