Nel XVIII si assiste a una svolta del gusto che dal predominio dell'estetica del "bello" porta al predominio del sublime. La relazione segue questa transizione analizzando le descrizioni dei paesaggi di taluni scrittori, in primo luogo viaggiatori che hanno lasciato resoconti odeporici: Joseph Addison, Charles De Borsses, Luigi Ferdinando Marsili, Franceso Algarotti, Vittorio Alfieri. Completano il quadro le rappresentazioni paesaggistiche di Pietro Giannone, Pietro Metastasio, Saverio Bettinelli.

Lo specchio e la lampada. Il paesaggio letterario settecentesco dal bello al sublime

BATTISTINI, ANDREA
2009

Abstract

Nel XVIII si assiste a una svolta del gusto che dal predominio dell'estetica del "bello" porta al predominio del sublime. La relazione segue questa transizione analizzando le descrizioni dei paesaggi di taluni scrittori, in primo luogo viaggiatori che hanno lasciato resoconti odeporici: Joseph Addison, Charles De Borsses, Luigi Ferdinando Marsili, Franceso Algarotti, Vittorio Alfieri. Completano il quadro le rappresentazioni paesaggistiche di Pietro Giannone, Pietro Metastasio, Saverio Bettinelli.
2009
Doctor Antoni Comas: in memoriam 25 anys
51
62
Battistini A.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/78061
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact