Quando immaginare gli effetti di un'azione genera compatibilità spaziale: Uno studio preliminare