Prosodia e critica testuale: il caso di anyo