Esiste una linea anomala e di resistenza nel teatro italiano del Novecento rappresentata dall'attore-artista, di cui sicuramente Eleonora Duse è stata la capostipite. Nel contributo si cerca di mostrare come il nuovo teatro italiano, con figure-guida quali Carmelo Bene, leo de Berardinis e Carlo Cecchi, abbia fatto i conti con questa tradizione, riappropriandosene originalmente, senza che purtroppo ciò sia riuscito a contrastare il degrado crescente che affligge l'arte attorica in Italia oggi.

La Duse, il nuovo teatro italiano e il degrado attuale dell'arte attorica

DE MARINIS, MARCO
2009

Abstract

Esiste una linea anomala e di resistenza nel teatro italiano del Novecento rappresentata dall'attore-artista, di cui sicuramente Eleonora Duse è stata la capostipite. Nel contributo si cerca di mostrare come il nuovo teatro italiano, con figure-guida quali Carmelo Bene, leo de Berardinis e Carlo Cecchi, abbia fatto i conti con questa tradizione, riappropriandosene originalmente, senza che purtroppo ciò sia riuscito a contrastare il degrado crescente che affligge l'arte attorica in Italia oggi.
2009
Voci e anime, corpi e scritture. Atti del Convegno internazionale su Eleonora Duse, Venezia 1-4 ottobre 2008
565
576
DE MARINIS, M.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/77501
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact