Uno, l’altro e un altro ancora: ambiguità dell’alterità tra sincronia e diacronia