Questo capitolo si propone di portare evidenze a favore dell’ipotesi che la comunicazione gestuale ed il linguaggio costituiscano indici dell’abilità di comprensione ed espressione degli stati mentali propri e altrui, discutendo in particolare la funzione interpersonale ed introspettiva del lessico psicologico (relativo alla verbalizzazione di stati interni – fisiologici, percettivi, volitivi, emotivi, cognitivi e morali) e delle prime forme di narrazione. Questa analisi è condotta illustrando sia la letteratura rilevante per tali temi, sia una ricerca personalmente condotta sullo sviluppo del lessico psicologico nella narrazione di una storia illustrata tra i 2 anni e mezzo e i 4 anni e mezzo. A tal fine si fa riferimento ai precursori non verbali della capacità di comprendere gli stati mentali dell’altro, soffermandosi brevemente sulle caratteristiche delle interazioni non verbali e verbali tra bambino e adulto nei primi due anni di vita, per poi trattare più estesamente il periodo prescolare tra i 2 e i 5 anni, durante il quale il bambino inizia a parlare degli stati mentali propri e altrui e a raccontare.

Parlare di stati mentali e raccontare

SANSAVINI, ALESSANDRA
2005

Abstract

Questo capitolo si propone di portare evidenze a favore dell’ipotesi che la comunicazione gestuale ed il linguaggio costituiscano indici dell’abilità di comprensione ed espressione degli stati mentali propri e altrui, discutendo in particolare la funzione interpersonale ed introspettiva del lessico psicologico (relativo alla verbalizzazione di stati interni – fisiologici, percettivi, volitivi, emotivi, cognitivi e morali) e delle prime forme di narrazione. Questa analisi è condotta illustrando sia la letteratura rilevante per tali temi, sia una ricerca personalmente condotta sullo sviluppo del lessico psicologico nella narrazione di una storia illustrata tra i 2 anni e mezzo e i 4 anni e mezzo. A tal fine si fa riferimento ai precursori non verbali della capacità di comprendere gli stati mentali dell’altro, soffermandosi brevemente sulle caratteristiche delle interazioni non verbali e verbali tra bambino e adulto nei primi due anni di vita, per poi trattare più estesamente il periodo prescolare tra i 2 e i 5 anni, durante il quale il bambino inizia a parlare degli stati mentali propri e altrui e a raccontare.
La socializzazione in età prescolare
139
158
Sansavini A.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/7697
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact