Le "Poesie" di Paolo Abriani vennero stampate per la prima volta a Venezia nel 1663 (e in seconda edizione aumentata nel 1664) presso Francesco Valvasense. Esse constano in prevalenza di componimenti accademici, encomiastici e d’occasione, in italiano e in latino. Questa raccolta attrae anche l’interesse dello storico del teatro d’opera, che in essa rintraccia ragguagli e notizie sull’attività di alcune tra le maggiorisale teatrali dedicate all’opera in musica e al dramma di parola.

Cantanti, librettisti e impresari nelle "Poesie" di Paolo Abriani (1663)

Badolato Nicola
2020

Abstract

Le "Poesie" di Paolo Abriani vennero stampate per la prima volta a Venezia nel 1663 (e in seconda edizione aumentata nel 1664) presso Francesco Valvasense. Esse constano in prevalenza di componimenti accademici, encomiastici e d’occasione, in italiano e in latino. Questa raccolta attrae anche l’interesse dello storico del teatro d’opera, che in essa rintraccia ragguagli e notizie sull’attività di alcune tra le maggiorisale teatrali dedicate all’opera in musica e al dramma di parola.
Badolato Nicola
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/764326
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact