Vista l'importanza del concetto "egemonia/hegemony"usato in campi che spaziano dall'International Political Economy e dal campo delle International Relations alle subaltern Studies (tema per eccellenza coinvolto con "egemonia", dalla storia e storiografia alla socilogia, dai Cultural Studies all’antropologia, dalla sociologia alla scienza politica, e spesso riferito a Gransci, si è proceduto ad una ricostruzione delle fonti del concetto in Gramsci. Cio' vuol dire che non è stato trattato lo sviluppo del concetto nei Quaderni dal carcere e nelle Lettere del carcere, bensì negli scritti precarcerari. Si sono analizzati gli usi del concetto, tra l'altro, l'uso del concetto dai socilaisti italiani all'epoca della c.d. "Grande Guerra", in rfapporto alla situazione dell'Adriatico, l'esperienza dei bolscevichi (comprso Lenin ma tutt'altro che limtiato ai suoi scritti ed usi del termine), nonché l'influenza - dopo diverse riflessioni di Gramsci - di pensatori come Machiavelli, Croce e, naturalmente Marx. L'influenza della linguistica, sottolineata da Franco Lo Piparo, è forte, ma Boothman discerne anche le altre influenze non linguistiche che rimangono al margine dell'analisi (molto preziosa) di Lo Piparo. Interessante è il riferimento e l'uso fatto di egemonia da parte del docente di lingusitica di Gramsci, Matteo Giulio Bartoli, in appunti di Gramsci noin ancora pubbllicati. Viene anche discussa l'aproccio dello studioso inglese Perry Anderson, vicino a quello di Norberto Bobbio, che tende a sottovalutare aspetti chiave dell'egemonia. Il ruolo che svolge l'aspetto economico emerge con chiarezza, a differenza dalla posizione sostenuta da Bobbio.

“The Sources for Gramsci’s Concept of Hegemony"

BOOTHMAN, DEREK
2008

Abstract

Vista l'importanza del concetto "egemonia/hegemony"usato in campi che spaziano dall'International Political Economy e dal campo delle International Relations alle subaltern Studies (tema per eccellenza coinvolto con "egemonia", dalla storia e storiografia alla socilogia, dai Cultural Studies all’antropologia, dalla sociologia alla scienza politica, e spesso riferito a Gransci, si è proceduto ad una ricostruzione delle fonti del concetto in Gramsci. Cio' vuol dire che non è stato trattato lo sviluppo del concetto nei Quaderni dal carcere e nelle Lettere del carcere, bensì negli scritti precarcerari. Si sono analizzati gli usi del concetto, tra l'altro, l'uso del concetto dai socilaisti italiani all'epoca della c.d. "Grande Guerra", in rfapporto alla situazione dell'Adriatico, l'esperienza dei bolscevichi (comprso Lenin ma tutt'altro che limtiato ai suoi scritti ed usi del termine), nonché l'influenza - dopo diverse riflessioni di Gramsci - di pensatori come Machiavelli, Croce e, naturalmente Marx. L'influenza della linguistica, sottolineata da Franco Lo Piparo, è forte, ma Boothman discerne anche le altre influenze non linguistiche che rimangono al margine dell'analisi (molto preziosa) di Lo Piparo. Interessante è il riferimento e l'uso fatto di egemonia da parte del docente di lingusitica di Gramsci, Matteo Giulio Bartoli, in appunti di Gramsci noin ancora pubbllicati. Viene anche discussa l'aproccio dello studioso inglese Perry Anderson, vicino a quello di Norberto Bobbio, che tende a sottovalutare aspetti chiave dell'egemonia. Il ruolo che svolge l'aspetto economico emerge con chiarezza, a differenza dalla posizione sostenuta da Bobbio.
Boothman, Derek
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/75390
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact