Even if it the Culture of Restoration has always harshly criticized it, the “as it was, where it was” seems to be evoked after every traumatic destruction. So, what is the driving force behind this choice? What are the reasons for the proposal to replicate a lost image? Trying to find an answer, the piece proposes a reflection on the identity role of monuments and the power assumed by their image in contemporary society.

Seppur aspramente criticato e condannato dalla cultura del restauro, il “dov’era com’era” sembra tornare inesorabilmente ad essere invocato in occasione di ogni traumatica distruzione. Cosa spinge a questa scelta? Quali sono le ragioni sottese alla proposta di replicare l’immagine perduta? In un tentativo di risposta, il pezzo propone una riflessione sul ruolo identitario dei monumenti e sul potere assunto dalla loro immagine nella società contemporanea

Quell’ipocrita (ma rassicurante) “dov’era, com’era”

alessia zampini
Writing – Original Draft Preparation
2019

Abstract

Seppur aspramente criticato e condannato dalla cultura del restauro, il “dov’era com’era” sembra tornare inesorabilmente ad essere invocato in occasione di ogni traumatica distruzione. Cosa spinge a questa scelta? Quali sono le ragioni sottese alla proposta di replicare l’immagine perduta? In un tentativo di risposta, il pezzo propone una riflessione sul ruolo identitario dei monumenti e sul potere assunto dalla loro immagine nella società contemporanea
alessia zampini
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/745947
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact