La constitutio textus del commento di Tiberio Claudio Donato ad Aen. 6, 1-157 ha fin qui tratto limitato giovamento dal confronto con la tradizione indiretta. Ciò nonostante, qualche interessante elemento di novità può essere introdotto grazie all’utilizzo delle annotazioni donatiane della cosiddetta “famiglia” β (preservate dai codici AuOxReWo), che risulta indipendente rispetto alla “famiglia” α (Tu) e non è stata finora tenuta in considerazione dai filologi.

IL “NUOVO” TIBERIO CLAUDIO DONATO E LA TRADIZIONE INDIRETTA

Pirovano L.
2019

Abstract

La constitutio textus del commento di Tiberio Claudio Donato ad Aen. 6, 1-157 ha fin qui tratto limitato giovamento dal confronto con la tradizione indiretta. Ciò nonostante, qualche interessante elemento di novità può essere introdotto grazie all’utilizzo delle annotazioni donatiane della cosiddetta “famiglia” β (preservate dai codici AuOxReWo), che risulta indipendente rispetto alla “famiglia” α (Tu) e non è stata finora tenuta in considerazione dai filologi.
Pirovano L.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/743918
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact