In situazioni di interazione dialogica, chi interpreta può adattare la traduzione, modificando il discorso originario, in modo da chiarire contenuti, azioni e aspettative non necessariamente condivisi dai partecipanti, o perché dati per scontati, o perché accessibili a una sola delle due culture. Nello specifico, il contributo descrive con gli strumenti dell’Analisi della Conversazione, interazioni verbali – registrate e trascritte – fra rappresentanti istituzionali, cittadini stranieri e mediatori, al fine di delineare schemi ricorrenti di comportamenti discorsivi, che possono fungere come base per azioni didattiche mirate.

La professione del mediatore linguistico fra ricerca e didattica.

ZORZI, DANIELA
2008

Abstract

In situazioni di interazione dialogica, chi interpreta può adattare la traduzione, modificando il discorso originario, in modo da chiarire contenuti, azioni e aspettative non necessariamente condivisi dai partecipanti, o perché dati per scontati, o perché accessibili a una sola delle due culture. Nello specifico, il contributo descrive con gli strumenti dell’Analisi della Conversazione, interazioni verbali – registrate e trascritte – fra rappresentanti istituzionali, cittadini stranieri e mediatori, al fine di delineare schemi ricorrenti di comportamenti discorsivi, che possono fungere come base per azioni didattiche mirate.
"Le lingue d'Europa patrimonio comune dei cittadini europei"
205
216
D. Zorzi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/74389
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact