Guglielmi e la temporalità della critica