La diffusione della disinformazione scientifica: l'eco della rete