Gli enti predisposti al controllo e monitoraggio del territorio oggi possono avvalersi delle nuove tecnologie di rilievo offerte dalla Geomatica. Tra queste i sistemi UAV “Unhumaned Aerial Vehicle”, risultano essere i più adatti per l'osservazione dell'evoluzione di fenomeni di dissesto a grande scala. Questo elaborato presenta un rilievo eseguito mediate drone di una porzione di territorio subito dopo il verificarsi di un evento franoso. Obiettivo del lavoro è quello di dimostrare l'efficacia della tecnica adottata per indagare il fenomeno verificatosi, delimitare l'area di intervento, analizzare geometricamente le variazioni superficiali registrate e quantificare i movimenti di terreno avvenuti. L'area interessata dalla frana è situata nel comune di Casola Valsenio (Ravenna). Il fenomeno franoso, verificatosi il 25 febbraio 2015, ha interessato il Senio, invadendo parzialmente il corso del fiume. Il rilievo è stato georeferenziato mediante Punti Fotogrammetrici d'Appoggio rilevati con ricevitori GNSS. L'elaborazione delle immagini è stata realizzata mediante un software open source che, in maniera quasi automatica, genera modelli tridimensionali arricchii dal contenuto radiometrico delle immagini originali. Oltre allo studio geometrico del movimento è stato eseguita un analisi quantitativa e qualitativa delle differenze intercorse utilizzando il materiale vettoriale e raster reperito dall'Ufficio Cartografico della Regione Emilia Romagna.

I Sistemi UAV in ausilio alla Protezione Civile per il monitoraggio del territorio: la frana di Casola Valsenio

Marco Dubbini
Data Curation
;
Antonio Zanutta
Supervision
2019

Abstract

Gli enti predisposti al controllo e monitoraggio del territorio oggi possono avvalersi delle nuove tecnologie di rilievo offerte dalla Geomatica. Tra queste i sistemi UAV “Unhumaned Aerial Vehicle”, risultano essere i più adatti per l'osservazione dell'evoluzione di fenomeni di dissesto a grande scala. Questo elaborato presenta un rilievo eseguito mediate drone di una porzione di territorio subito dopo il verificarsi di un evento franoso. Obiettivo del lavoro è quello di dimostrare l'efficacia della tecnica adottata per indagare il fenomeno verificatosi, delimitare l'area di intervento, analizzare geometricamente le variazioni superficiali registrate e quantificare i movimenti di terreno avvenuti. L'area interessata dalla frana è situata nel comune di Casola Valsenio (Ravenna). Il fenomeno franoso, verificatosi il 25 febbraio 2015, ha interessato il Senio, invadendo parzialmente il corso del fiume. Il rilievo è stato georeferenziato mediante Punti Fotogrammetrici d'Appoggio rilevati con ricevitori GNSS. L'elaborazione delle immagini è stata realizzata mediante un software open source che, in maniera quasi automatica, genera modelli tridimensionali arricchii dal contenuto radiometrico delle immagini originali. Oltre allo studio geometrico del movimento è stato eseguita un analisi quantitativa e qualitativa delle differenze intercorse utilizzando il materiale vettoriale e raster reperito dall'Ufficio Cartografico della Regione Emilia Romagna.
Atti della XXIII Conferenza Nazionale di Geomatica e Informazione Territoriale ASITA (Federazione delle Associazioni Scientifiche per le Informazioni Territoriali e Ambientali)
165
172
Alessandra Callegari, Marco Dubbini, Antonio Zanutta
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/732050
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact