Hofmannsthal e Nietzsche. Sulla menzogna del linguaggio