Posseduti e sognatori. Assonanze notturne nei ricordi e negli studi di uno scolaro bolognese