La legge del contrappasso: la Corte costituzionale reintegra il giudice del lavoro