La ricerca ha come obiettivo indagare la presenza delle manifestazioni espressive del sor- riso e del distress, due configurazioni facciali fondamentali nelle fasi più precoci dello sviluppo, in un campione di nati pretermine di età gestazionale molto bassa. A questo scopo, il comporta- mento facciale di 9 neonati, videoripresi a 30 settimane di età post-concezionale e con un peso medio alla nascita, adeguato per l’età gestazionale (AGA; Appropriate for Gestational Age), di 945.6 grammi (DS = 132), è stato analizzato mediante due sistemi di codifica, il Baby FACS (Oster, in corso di stampa) ed il MAX (Izard, 1979). Entrambe le espressioni sono state esibite da più della metà del campione in una forma matura, cioè bilaterale e al più alto livello di intensità di contrazione muscolare (b/x; Ekman e Friesen, 1978). La frequenza di comparsa delle azioni facciali unilaterali è risultata tuttavia maggiore nel caso del sorriso rispetto al distress, quasi totalmente bilaterale. Inoltre, il distress presentava una durata media significativamente maggiore rispetto al sorriso. I risultati ottenuti suggeriscono una precoce asincronia evolutiva tra l’emergere delle espressioni di sorriso e distress.

Alle origini delle emozioni: uno studio pilota sul sorriso e sull’espressione facciale di distress nel neonato pretermine di età gestazionale molto bassa

Agnoli S.;
2008

Abstract

La ricerca ha come obiettivo indagare la presenza delle manifestazioni espressive del sor- riso e del distress, due configurazioni facciali fondamentali nelle fasi più precoci dello sviluppo, in un campione di nati pretermine di età gestazionale molto bassa. A questo scopo, il comporta- mento facciale di 9 neonati, videoripresi a 30 settimane di età post-concezionale e con un peso medio alla nascita, adeguato per l’età gestazionale (AGA; Appropriate for Gestational Age), di 945.6 grammi (DS = 132), è stato analizzato mediante due sistemi di codifica, il Baby FACS (Oster, in corso di stampa) ed il MAX (Izard, 1979). Entrambe le espressioni sono state esibite da più della metà del campione in una forma matura, cioè bilaterale e al più alto livello di intensità di contrazione muscolare (b/x; Ekman e Friesen, 1978). La frequenza di comparsa delle azioni facciali unilaterali è risultata tuttavia maggiore nel caso del sorriso rispetto al distress, quasi totalmente bilaterale. Inoltre, il distress presentava una durata media significativamente maggiore rispetto al sorriso. I risultati ottenuti suggeriscono una precoce asincronia evolutiva tra l’emergere delle espressioni di sorriso e distress.
Dondi, M., Costabile, A., Vacca, T., Franchin, L., Agnoli, S., Lombardi, O., Corchia, C.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/725784
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 1
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact